Glossary

Ragionevole sicurezza (nel contesto degli incarich

Un livello di sicurezza elevato, ma non assoluto.

Registrazioni contabili

Le registrazioni delle rilevazioni contabili di prima nota e le evidenze di supporto, quali gli assegni e l’evidenza di trasferimenti elettronici di fondi; le fatture; i contratti; la contabilità generale e sezionale, le scritture sul libro giornale ed altre rettifiche di bilancio che non sono riflesse in scritture contabili, le evidenze come fogli di lavoro e prospetti a supporto dell’allocazione di costi, conteggi, riconciliazioni e altre informazioni.

Registro dei revisori legali

È il registro nel quale sono iscritti i revisori legali persone fisiche e le società di revisione legale, istituito presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze ai sensi dell’art. 2 comma 1 del D.Lgs. n. 39 del 2010. Soltanto l’iscrizione nel registro dei revisori dà diritto all’uso del titolo di revisore legale.

Registro del tirocinio

È un registro nel quale sono iscritti coloro che - in possesso dei requisiti di onorabilità e del titolo di studio previsti dall’art 2, comma 2, lettere a) e b) del D.Lgs. 27 gennaio 2010, n. 39 e del D.M. 25 giugno 2012, n. 146 - intendono effettuare il previsto periodo triennale di tirocinio presso un revisore o una società di revisione in grado di assicurare la formazione pratica del tirocinante stesso, ai fini del successivo esame di abilitazione per l’accesso al registro dei revisori legali.

Relazione di revisione legale

È il documento contenente il giudizio sul bilancio espresso dal soggetto cui è stato conferito l’incarico di revisione e che è firmato dal responsabile della revisione.

Relazione sulla descrizione e sulla configurazione

Una relazione che comprende:

  • una descrizione predisposta dalla direzione del fornitore di servizi riguardante il suo sistema organizzativo, gli obiettivi di controllo e i relativi controlli configurati e messi in atto ad una data specifica;
  • una relazione emessa dal revisore del fornitore di servizi con l’obiettivo di fornire una ragionevole sicurezza, che includa il proprio giudizio sulla descrizione del sistema organizzativo, degli obiettivi di controllo e dei relativi controlli del fornitore di servizi, nonché sull’idoneità della configurazione di tali controlli ai fini del conseguimento degli obiettivi di controllo prestabiliti.
Relazione sulla descrizione, configurazione ed eff

Una relazione che comprende:

  • una descrizione, predisposta dalla direzione del fornitore di servizi, riguardante il suo sistema organizzativo, gli obiettivi di controllo e i relativi controlli configurati e messi in atto ad una data specifica ovvero nel corso di un periodo prestabilito e, in alcuni casi, la loro efficacia operativa nel corso del periodo prestabilito;
  • una relazione emessa dal revisore del fornitore di servizi con l’obiettivo di fornire una ragionevole sicurezza che includa:
    • il proprio giudizio sulla descrizione del sistema organizzativo, degli obiettivi di controllo e dei relativi controlli del fornitore di servizi, nonché sull’idoneità della configurazione di tali controlli ai fini del conseguimento degli obiettivi di controllo prestabiliti e sulla loro efficacia operativa;
    • una descrizione delle procedure di conformità svolte dal revisore del fornitore di servizi ed i relativi risultati.
Responsabile del riesame della qualità dell’incari

Un partner, un’altra persona nell’ambito del soggetto incaricato della revisione, una persona esterna adeguatamente qualificata, ovvero un team composto da tali persone, non appartenenti al team di revisione, con l’esperienza e l’autorità sufficienti e appropriate per valutare obiettivamente i giudizi professionali significativi formulati dal team di revisione e le conclusioni da questo raggiunte nel predisporre la relazione di revisione.

Responsabile del riesame della qualità dell’incari

Un partner, un’altra persona nell’ambito del soggetto abilitato alla revisione, una persona esterna adeguatamente qualificata, ovvero un team composto da tali persone, non appartenenti al team dell’incarico, con l’esperienza e l’autorità sufficienti e appropriate per valutare obiettivamente i giudizi professionali significativi formulati dal team dell’incarico e le conclusioni da questo raggiunte nel predisporre la relazione.

Responsabile della revisione (o anche “responsabil

Il revisore legale, il partner o altra persona nell’ambito del soggetto incaricato della revisione, l’organo societario incaricato della revisione, che è responsabile dell’incarico di revisione e del suo svolgimento, nonché della relazione di revisione emessa, e che, ove richiesto, dispone dell’appropriata autorizzazione conferita da un organismo professionale, di vigilanza o altro organismo previsto dalla legge.

Responsabile dell’incarico (nell’ambito del princi

Il revisore legale, il partner o altra persona nell’ambito del soggetto abilitato, nonché l’organo societario incaricato della revisione, che è responsabile dell’incarico e del suo svolgimento, nonché della relazione emessa, e che, ove richiesto, dispone dell’appropriata autorizzazione conferita da un organismo professionale, di vigilanza o da altro organismo previsto dalla legge.

Responsabile dell’incarico di revisione contabile

Il revisore legale, il partner o altra persona fisica nell’ambito del soggetto incaricato della revisione contabile, responsabile dell’incarico di revisione contabile del gruppo e del suo svolgimento, nonché della relazione di revisione emessa sul bilancio del gruppo. Laddove la revisione contabile del gruppo sia condotta da revisori incaricati congiuntamente, i responsabili della revisione ed i relativi team costituiscono nel loro insieme rispettivamente il responsabile dell’incarico di revisione contabile del gruppo ed il team di revisione contabile del gruppo.

Responsabili delle attività di Governance

La persona, o le persone, ovvero l’organizzazione, o le organizzazioni, responsabili della supervisione della direzione strategica dell’impresa e degli obblighi relativi alla rendicontazione dell’impresa. Tali responsabilità includono la supervisione del processo di predisposizione dell’informazione finanziaria. Per alcune imprese, in alcuni ordinamenti giuridici i responsabili delle attività di governance possono comprendere anche esponenti della direzione come, ad esempio, membri con responsabilità esecutive di un organo di governo di un’impresa del settore privato, o un proprietario-amministratore.

Rete

Secondo il codice di deontologia e di indipendenza dei revisori, ispirato al Code of Ethics for the Professional Accountants dell’IFAC, una struttura più ampia alla quale appartiene un soggetto abilitato alla revisione o altra entità, qualunque ne sia la forma giuridica o l’attività svolta, che:

  • sia finalizzata alla cooperazione; e
  • persegua chiaramente la condivisione degli utili o dei costi, oppure che sia riconducibile ad una proprietà, un controllo o una direzione comuni oppure che condivida prassi e procedure comuni di controllo della qualità, o una strategia aziendale comune, o l’utilizzo di una denominazione o di un marchio comune o di una parte significativa delle risorse professionali.
Revisione contabile del gruppo

La revisione del bilancio del gruppo.

Revisione Legale

La revisione legale rappresenta l’evoluzione dell’istituto della revisione contabile obbligatoria, introdotto nel nostro ordinamento dal DPR 31.3.1975, n. 136, e successivamente disciplinato dagli artt. 2409-bis e seguenti del codice Civile e dagli artt. 155 e segg. del TUF. La nozione di revisione legale è stata introdotta nel nostro ordinamento con il D.Lgs. n. 39/2010 che ha recepito la Direttiva 2006/43/CE. In base alla definizione contenuta nell’art. 1, comma 1, lettera m), è “revisione legale: la revisione dei conti annuali o dei conti consolidati effettuata in conformità alle disposizioni del presente decreto legislativo o, nel caso in cui sia effettuata in un altro Stato membro dell'Unione europea, alle disposizioni di attuazione della direttiva 2006/43/CE vigenti in tale Stato membro”.

L’attività di revisione legale è riservata ai soggetti (persone fisiche e società) iscritti nel Registro dei revisori legali tenuto a cura del Ministero dell’Economia e delle Finanze (art. 2, comma 1, D.Lgs. n. 39/2010). Il revisore legale o la società di revisione legale devono verificare, nel corso dell’esercizio, la regolare tenuta della contabilità sociale e la corretta rilevazione dei fatti di gestione nelle scritture contabili; devono inoltre verificare  che il bilancio di esercizio e il bilancio consolidato corrispondano alle risultanze delle scritture contabili e degli accertamenti eseguiti e che siano conformi alle norme che li disciplinano. In base al d.lgs. n. 39/2010, la revisione legale è svolta in conformità ai principi di revisione adottati dalla Commissione europea, e - fino all'adozione di tali principi - in conformità ai principi di revisione elaborati da associazioni e ordini professionali e dalla Consob (art. 11), nonché alle disposizioni sancite in materie di indipendenza dall’art. 10 e, con riferimento alla revisione legale di Enti di Interesse Pubblico, dall’art. 17. Per poter adempiere i propri incarichi il revisore legale o la società di revisione legale hanno diritto ad ottenere dagli amministratori della società documenti e notizie utili alla revisione e possono procedere ad accertamenti, controlli ed esame di atti e documentazione (art. 14, comma 6, D.Lgs. n. 39/2010).

Alla fine dell’esercizio la società di revisione esprime con apposita relazione il proprio giudizio sul bilancio di esercizio e sul bilancio consolidato (art. 14, D.Lgs. n. 39/2010). Tale giudizio, può assumere quattro tipologie differenti: giudizio senza rilievi, se il bilancio di esercizio e il bilancio consolidato sono conformi alle norme che ne disciplinano i criteri di redazione; giudizio con rilievi; giudizio negativo; dichiarazione di impossibilità di esprimere un giudizio. Negli ultimi tre casi la  relazione di revisione deve illustrare analiticamente i motivi della decisione. La relazione sul bilancio, sottoscritta dal responsabile della revisione legale, che deve essere scritto nel Registro dei revisori legale, deve essere depositata presso l’ufficio del registro delle imprese oltre che restare depositata presso la sede della società durante i quindici giorni che precedono l’assemblea che approva il bilancio e finché il bilancio non è approvato.

La revisione legale può essere svolta, ricorrendo determinate condizioni e ad eccezione degli Enti di Interesse Pubblico, anche dal collegio sindacale.

Con la definizione di revisione legale si intende la revisione dei conti annuali o dei conti consolidati effettuata in conformità all’insieme delle disposizioni del D.Lgs. 39/2010 e dei regolamenti attuativi dello stesso o, nel caso in cui sia effettuata in un altro Stato membro dell’Unione Europea, alle disposizioni di attuazione della Direttiva 2006/43/CE, come modificata dalla Direttiva 2014/56/UE, vigenti in tale Stato membro. In generale, la revisione legale dei conti può intendersi come un processo complesso di verifiche e procedure svolte in conformità ai principi di revisione, finalizzata a verificare che il bilancio di esercizio o consolidato siano conformi alle norme e ai principi che ne disciplinano la redazione e rappresenti in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell’impresa sottoposta a revisione. La revisione legale è svolta da revisori o da società di revisione costituite nelle forme di legge e iscritti nell’apposito registro.

Revisore

Il termine è utilizzato per fare riferimento alla persona o alle persone che svolgono la revisione contabile, solitamente il responsabile dell’incarico o altri membri del team di revisione, ovvero, quando applicabile, al soggetto incaricato della revisione. Laddove un principio di revisione indichi esplicitamente che una regola o una responsabilità sia adempiuta dal responsabile dell’incarico, il termine “responsabile dell’incarico” è utilizzato in luogo di quello di “revisore”

Revisore del fornitore di servizi

Il revisore che, su incarico del fornitore di servizi, predispone una relazione di attendibilità sui controlli del fornitore dei servizi.

Revisore dell'impresa utilizzatrice

Un revisore che svolge la revisione contabile del bilancio dell’impresa utilizzatrice ed emette la relativa relazione di revisione.

Revisore della componente

Un revisore che, sulla base di quanto indicato dal team di revisione contabile del gruppo, svolge il lavoro sulle informazioni finanziarie relative alla componente ai fini della revisione contabile del gruppo.

Revisore di un Paese terzo

È una persona fisica che effettua la revisione dei conti annuali o dei conti consolidati di una società avente sede in un Paese non appartenente all’Unione europea.

Revisore esperto

Una persona (sia interna che esterna rispetto al soggetto incaricato della revisione) che abbia esperienza pratica di revisione ed una conoscenza ragionevole:

  • dei processi di revisione;
  • dei principi di revisione e delle disposizioni di legge e regolamentari applicabili;
  • del contesto economico in cui opera l’impresa;
  • delle tematiche di revisione contabile e di informativa finanziaria relative al settore in cui opera l’impresa.
Revisore precedente

Il soggetto incaricato che ha svolto la revisione contabile del bilancio di un’impresa nel periodo amministrativo precedente e che è stato sostituito da quello attualmente in carica.

Revisori Contabili

O anche Revisori Legali. Soggetti abilitati al controllo di legge dei documenti contabili. Essi devono essere iscritti in un registro istituito presso il Ministero della Giustizia, previo esame indetto annualmente dallo stesso Ministero (v. Legge 13.5.1997, n. 132Legge 8.7.1998, n. 222 sull’ammissione all’esame di idoneità per l’iscrizione nel registro dei revisori contabili). Il D.Lgs. 27.1.1992 n. 88 disciplina l’iscrizione nel registro e la vigilanza sull’attività degli iscritti. Solo coloro che sono iscritti in tale registro possono essere sindaci di società di capitali.

Revisori interni

I soggetti che svolgono le attività proprie della funzione di revisione interna. I revisori interni possono appartenere ad un dipartimento di revisione interna o ad una funzione equivalente.

Revisori Legali

O anche Revisori Contabili. Soggetti abilitati al controllo di legge dei documenti contabili. Essi devono essere iscritti in un registro istituito presso il Ministero della Giustizia, previo esame indetto annualmente dallo stesso Ministero (v. Legge 13.5.1997, n. 132Legge 8.7.1998, n. 222 sull’ammissione all’esame di idoneità per l’iscrizione nel registro dei revisori contabili). Il D.Lgs. 27.1.1992 n. 88 disciplina l’iscrizione nel registro e la vigilanza sull’attività degli iscritti. Solo coloro che sono iscritti in tale registro possono essere sindaci di società di capitali.

Richiamo di informativa

Un paragrafo inserito nella relazione di revisione che fa riferimento ad un aspetto appropriatamente presentato o oggetto di appropriata informativa nel bilancio che, secondo il giudizio professionale del revisore, riveste un’importanza tale da risultare fondamentale ai fini della comprensione del bilancio stesso da parte degli utilizzatori.

Richiesta di conferma negativa

Una richiesta al soggetto circolarizzato di rispondere direttamente al revisore soltanto qualora esso sia in disaccordo con le informazioni fornite nella richiesta.

Richiesta di conferma positiva

Una richiesta al soggetto circolarizzato di rispondere direttamente al revisore indicando se esso sia in accordo o in disaccordo con le informazioni contenute nella richiesta, ovvero fornendo le informazioni richieste.

Riesame della qualità dell’incarico (nell’ambito d

Un processo configurato per fornire, alla data della relazione di revisione o prima di essa, una valutazione obiettiva dei giudizi professionali significativi formulati dal team di revisione e delle conclusioni da questo raggiunte nel predisporre la relazione di revisione. Il processo di riesame della qualità dell’incarico si applica alle revisioni contabili dei bilanci delle società quotate e agli altri incarichi di revisione contabile per i quali il soggetto incaricato della revisione abbia stabilito che tale riesame sia richiesto.

Riesame della qualità dell’incarico (nell’ambito d

Un processo configurato per fornire, alla data della relazione o prima di essa, una valutazione obiettiva dei giudizi professionali significativi formulati dal team dell’incarico e delle conclusioni da questo raggiunte nelpredisporre la relazione. Il processo di riesame della qualità dell’incarico si applica alle revisioni contabili dei bilanci delle società quotate e agli altri eventuali incarichi per i quali il soggetto abilitato alla revisione abbia stabilito che tale riesame è richiesto.

Rischi connessi all'attività

Un rischio derivante da condizioni, eventi, circostanze, azioni o inattività significative che potrebbero incidere sfavorevolmente sulla capacità dell’impresa di raggiungere i propri obiettivi e di realizzare le proprie strategie, ovvero un rischio derivante dalla definizione di obiettivi e strategie non appropriate.

Rischio di campionamento

Il rischio che le conclusioni del revisore, sulla base di un campione, possano essere diverse da quelle che si sarebbero raggiunte se l’intera popolazione fosse stata sottoposta alla stessa procedura di revisione. Il rischio di campionamento può portare a due tipologie di conclusioni errate:

  • nel caso di una procedura di conformità, che i controlli siano più efficaci di quanto sono realmente, oppure, nel caso di una verifica di dettaglio, che non esista un errore significativo laddove, invece, esso è presente. Il revisore si preoccupa principalmente di questa tipologia di conclusione errata, poiché influenza l’efficacia della revisione contabile ed è più probabile che porti ad un giudizio di revisione inappropriato;
  • nel caso di una procedura di conformità, che i controlli siano meno efficaci di quanto sono realmente, oppure, nel caso di una verifica di dettaglio, che esista un errore significativo laddove, invece, esso non è presente. Questa tipologia di conclusione errata incide sull’efficienza della revisione contabile in quanto spesso conduce allo svolgimento di lavoro aggiuntivo al fine di stabilire che le conclusioni inizialmente raggiunte non erano corrette.
Rischio di errori significativi

Il rischio che il bilancio sia significativamente errato prima di essere sottoposto a revisione contabile. Tale rischio è costituito da due componenti, di seguito descritte a livello di asserzioni:

  • rischio intrinseco » la possibilità che un’asserzione relativa ad una classe di operazioni, un saldo contabile o un’informativa contenga un errore che potrebbe essere significativo, singolarmente o insieme ad altri, indipendentemente da qualunque controllo ad essa riferito;
  • rischio di controllo » il rischio che un errore, che potrebbe riguardare un’asserzione relativa ad una classe di operazioni, un saldo contabile o un’informativa e che potrebbe essere significativo, singolarmente o insieme ad altri, non sia prevenuto, o individuato e corretto, in modo tempestivo dal controllo interno dell’impresa.
Rischio di individuazione

Il rischio che le procedure svolte dal revisore per ridurre il rischio di revisione ad un livello accettabilmente basso non individuino un errore che è presente e che potrebbe essere significativo, considerato singolarmente o insieme ad altri errori.

Rischio di revisione

Il rischio che il revisore esprima un giudizio di revisione non appropriato nel caso in cui il bilancio sia significativamente errato. Il rischio di revisione dipende dai rischi di errori significativi e dal rischio di individuazione.

Rischio non dipendente dal campionamento

Il rischio che il revisore giunga ad una conclusione errata per ragioni non connesse al rischio di campionamento.

Rischio significativo

Un rischio di errore significativo identificato e valutato che, a giudizio del revisore, richiede una speciale considerazione nella revisione.

Risultati della verifica periodica

Gli elementi informativi acquisiti dal revisore in esito alle specifiche procedure svolte nel corso di ciascuna verifica periodica, nonché, se riscontrate:

  • carenze nelle procedure adottate dall’impresa per la regolare tenuta della contabilità sociale;
  • non conformità nell’esecuzione degli adempimenti richiesti dalla normativa di riferimento.

I risultati della verifica periodica possono inoltre includere errori nelle scritture contabili laddove riscontrati all’esito delle specifiche procedure svolte.

Risultato di una stima contabile

Il valore monetario effettivo risultante dall’esito delle operazioni, eventi o condizioni sottostanti considerati per l’effettuazione della stima contabile.

torna su